I peggiori terremoti degli ultimi 25 anni

Scritto da in data Settembre 12, 2023

Il terribile terremoto che ha colpito il Marocco venerdì scorso, ha ucciso più di 2800 persone e si teme che il bilancio sia destinato a salire man mano che i soccorritori raggiungeranno le zone montuose più colpite. Negli ultimi 25 anni sono tanti i tremori della terra che hanno distrutto la vita di migliaia di persone, ecco i principali:

  • 6 febbraio 2023: in Turchia e Siria, un terremoto di magnitudo 7,8 uccide più di 21.600 persone.
  • 25 aprile 2015: in Nepal, più di 8.800 persone vengono uccise da un terremoto di magnitudo 7,8 .
  • 11 marzo 2011: un terremoto di magnitudo 9.0 al largo della costa nord-orientale del Giappone provoca uno tsunami , uccidendo più di 18.400 persone.
  • 12 gennaio 2010: ad Haiti, oltre 100.000 persone vengono uccise da un terremoto di magnitudo 7.0 . Il governo stimò l’incredibile cifra di 316.000 morti, ma l’entità della distruzione rese impossibile un conteggio accurato.
  • 12 maggio 2008: un terremoto di magnitudo 7,9 colpisce il Sichuan orientale in Cina, provocando oltre 87.500 morti.
  • 27 maggio 2006: più di 5.700 persone muoiono quando un terremoto di magnitudo 6,3 colpisce l’isola indonesiana di Giava.
  • 8 ottobre 2005: un terremoto di magnitudo 7,6 uccide oltre 80.000 persone nella regione del Kashmir in Pakistan.
  • 26 dicembre 2004: un terremoto di magnitudo 9.1 in Indonesia provoca uno tsunami nell’Oceano Indiano , uccidendo circa 230.000 persone in una dozzina di paesi.
  • 26 dicembre 2003: un terremoto di magnitudo 6,6 colpisce il sud-est dell’Iran, causando oltre 20.000 morti.
  • 26 gennaio 2001: un terremoto di magnitudo 7,6 colpisce il Gujarat in India, uccidendo circa 20.000 persone.
  • 17 agosto 1999: un terremoto di magnitudo 7,6 colpisce Izmit, in Turchia, uccidendo circa 18.000 persone.

 

Fonte: archivi AP, governi locali, US Geological Survey
Foto di copertina: Foto di Jens Aber su Unsplash 

Ti potrebbe interessare anche:

“Proteggere” – 1966: Alluvione di Firenze

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]