Arabia Saudita, più parole che fatti

Scritto da in data Agosto 13, 2019

Le riforme dell’Arabia Saudita sui diritti delle donne sono radicalmente meno estese di quanto sembrassero inizialmente e le donne rimangono “cittadini di seconda classe” nel paese, affermano gli attivisti per i diritti delle donne.

La precisazione arriva dopo che l’Arabia Saudita, in una mossa storica, la scorsa settimana ha annunciato che alle donne sarebbe stato finalmente permesso di richiedere un passaporto e di viaggiare senza l’autorizzazione di un tutore maschio.

I nuovi decreti reali danno alle donne il diritto di registrare nascite, matrimoni e divorzi, di poter richiedere documenti ufficiali di famiglia e essere tutrici di minori.

Ora però emerge, scrive l’Indipendent, una mancanza di chiarezza su come le donne saranno in grado di viaggiare all’estero in modo indipendente. Il Centro per le comunicazioni internazionali dell’Arabia Saudita e i media locali hanno riferito che i cambiamenti consentiranno anche alle donne di lasciare il paese senza il permesso di un tutore maschio, ma la decisione del consiglio dei ministri (il gabinetto dell’Arabia Saudita) non ha fatto menzione di modifiche a tale requisito.

Human Rights Watch ha esortato le autorità saudite a chiarire immediatamente se le donne in Arabia Saudita saranno in grado lasciare il Paese senza permesso, ma per ora non ci sono riusciti.

Sotto il sistema restrittivo di tutela del Regno, le donne sono considerate minorenni legali e non possono sposarsi, divorziare, viaggiare, trovare un lavoro, essere rilasciate dal carcere o sottoporsi a un intervento chirurgico senza il permesso dei loro tutori maschi. Spesso il tutore maschio di una donna è il padre o il marito e in alcuni casi il figlio stesso di una donna.

La maggior parte delle caratteristiche del sistema di tutela resta operativa nonostante le nuove riforme annunciate: le donne hanno ancora bisogno del permesso di un tutore maschio per sposarsi o divorziare, aprire un’attività o, talvolta, persino accedere alle cure sanitarie.

Serve anche il permesso di un parente maschio per vivere da sole o per uscire di prigione se sono state arrestare, o lasciare un rifugio per abusi domestici. A differenza degli uomini, non possono ancora trasmettere la cittadinanza ai loro figli, né possono fornire il consenso ai i loro figli per sposarsi.

Rothna Begum, ricercatrice senior per i diritti delle donne presso Human Rights Watch, ha affermato che è indispensabile che le autorità saudite chiariscano se le donne possono viaggiare senza il permesso di un tutore maschio.

“La notizia è storica ma – ha detto a The Independent – Ci ha lasciato tutti molto confusi. Penso che stiano cercando di prendersi il maggior credito possibile senza averlo veramente fatto. Hanno però avuto la risonanza mediatica che volevano”.

Fa notare che resta in vigore una controversa app del governo saudita che può essere utilizzata dagli uomini per rintracciare le donne e impedire loro di viaggiare.

Absher, un’app di proprietà e gestita dal ministero degli interni del regno, disponibile nella versione saudita di Google e Apple, permette tuttora agli uomini di consentire o rifiutare i viaggi per le donne dipendenti, ha detto la Begum.

L’app, che è stata soprannominata “app per monitorare le mogli”, è stata scaricata più di un milione di volte e offre agli uomini il potere di concedere e revocare l’autorizzazione al viaggio per le donne e di impostare avvisi SMS per quando usano il passaporto.

La Begum ha dichiarato: “Le riforme sono davvero importanti in un certo senso, ma in altri modi non sono così grandi come sembrano”.

“Tuttavia, dobbiamo comunque festeggiare: sono cambiamenti davvero importanti, ma non possiamo dire che questo abbia smantellato il sistema. C’è ancora molta strada da fare per assicurarsi che le donne non siano cittadini di seconda classe “.

Poi sottolinea la repressione dell’ultimo anno su alcune delle principali attiviste per i diritti delle donne che hanno fatto campagna per il diritto di guidare o ottenere uguali diritti per gli uomini.

Queste donne, tra cui la nota attivista Loujain al-Hathloul, che ha sfidato il divieto recentemente ribaltato del regno nei confronti delle donne che guidano, sono attualmente sotto processo e molte di loro affermano di essere state torturate durante la detenzione. Nel novembre dello scorso anno, le organizzazioni per i diritti umani hanno detto che gli interrogatori sauditi hanno torturato almeno quattro donne, anche con scosse elettriche e frustate, e le hanno molestate e aggredite sessualmente.

“Quando il divieto di guida è stato revocato, non potevamo celebrarlo poiché le donne erano in prigione”, ha aggiunto Begum. “E ora abbiamo lo stesso problema con queste riforme. È una vittoria agrodolce per le attiviste per i diritti delle donne: non vengono onorate ma punite”.

Begum dà il benvenuto alla neodecisione di consentire alle donne di registrare i propri matrimoni e divorzi, affermando che questo affronta il problema degli uomini che non li registrano.

“È davvero importante”, ha detto. “Se un uomo divorziato da una donna cosa che accade spesso unilateralmente, può cercare di assicurarsi che il divorzio sia registrato. Ma non cambia la discriminazione all’interno del divorzio. Gli uomini possono divorziare dalle donne senza alcuna causa e senza avere un testimone.

“Normalmente in qualsiasi giurisdizione, devi ancora andare in tribunale. Loro possono farlo con un messaggio. A volte non deve neanche avvisarla. Ci sono casi in cui la donna ha scoperto di essere divorziata un anno dopo. Le donne, al contrario non hanno lo stesso diritto in Arabia Saudita, devono andare in tribunale se vogliono divorziare”.

Le riforme consentono alle donne, insieme ai loro mariti, di essere considerate un “capofamiglia” per i loro figli, il che dovrebbe migliorare la capacità delle saudite di svolgere attività per conto dei loro figli.

Dana Ahmed, ricercatrice in Arabia Saudita di Amnesty International, ritiene le nuove riforme una “grande svolta” per i diritti delle donne e uno dei maggiori passi che le autorità hanno fatto negli ultimi anni per facilitare le leggi sulla tutela.

Dice: “Non è chiaro come verranno attuate alcune riforme e fino a che punto andranno avanti dato che non tutte le riforme menzionate sono state modificate in leggi”.

La Ahmed ha affermato che non era chiaro se le riforme avrebbero impedito ai tutori maschi di archiviare casi di disobbedienza e assenza da casa contro le donne, che sono punibili con la prigione e frustate.

L’Arabia Saudita impone un’interpretazione molto rigorosa dell’Islam noto come wahhabismo e alle donne è proibito mescolarsi liberamente con membri dell’altro sesso.

Il sistema di tutela in Arabia Saudita rende quasi impossibile per le vittime di violenza domestica o abusi sessuali chiedere giustizia o protezione perché la polizia spesso insiste affinché le donne e le ragazze ottengano l’autorizzazione del loro tutore a presentare denunce anche se la denuncia riguarda il tutore.

L’aborto è illegale nel paese del Medio Oriente a meno che la salute di una donna non sia a rischio e le relazioni sessuali al di fuori del matrimonio sono criminalizzate – con donne non sposate che se rimangono incinte si ritrovano ad affrontare azioni penali e persino il carcere.

Ascolta anche:

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta dai posti, potete sostenerci andando su Sostienici  


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]