Prossima fermata: Venezuela

Scritto da in data Luglio 4, 2024

Il prossimo 28 luglio, il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, dovrà affrontare un momento spartiacque che determinerà il destino del suo governo e il corso del suo travagliato Paese.

Ieri, l’alto commissario Onu per i diritti umani, Volker Turk, presentando il rapporto sul Venezuela ha denunciato l’aumento di “intimidazioni contro i giornalisti e la censura sui media”.

Per questo, Radio Bullets ha deciso di tornare nel paese per raccontarlo. Ci eravamo stati nel 2018 durante le proteste e quando la situazione economica aveva toccato i minimi storici tra un’inflazione senza precedenti, supermercati e farmacie vuote e nel 2019 quando in una tiepida giornata di gennaio, Juan Guaido era stato proclamato presidente dall’opposizione.

Abbiamo incontrato analisti, attivisti dei diritti umani, vittime del regime. Ma anche persone normali, studenti, insegnanti, anziani che lottavano semplicemente per curarsi o portare almeno un pasto al giorno a tavola.

Sono passati cinque anni ed è ora di andare a raccontare cosa è cambiato e cosa sarà il futuro per un paese che conta sette milioni di sfollati e due milioni di italiani.

Perché tornare? Perché la verità non sta in quello che si dice, ma in quello che si vede. E per vedere bisogna esserci

Se volete sostenere questo reportage, potete andare su sostienici.

La sfida elettorale

E così, tra meno di un mese, il leader della nazione che detiene le maggiori riserve petrolifere del mondo – e che tuttavia ha visto milioni di residenti fuggire nel mezzo di una schiacciante crisi economica – affronterà la sua sfida elettorale più dura da quando è entrato in carica nel 2013.

Secondo i sondaggi il suo principale avversario, un ex diplomatico poco noto di nome Edmundo González Urrutia, è molto più avanti.

González è sostenuto dall’appassionata leader dell’opposizione, María Corina Machado, che ha affascinato gli elettori attraversando il paese, facendo campagna per lui con la promessa di ristabilire la democrazia e riunire le famiglie separate dall’immigrazione.

Radio Bullets l’ha incontrata nel 2019 e ci aveva detto: “Questo regime ha deciso di distruggere il tessuto sociale, la coesione delle famiglie e nella comunità e naturalmente facendo precipitare tutte le istituzioni democratiche, la capacità di produrre e creare ricchezza. È stata distrutta l’istruzione, la nostra vita culturale”.

Non accetteremo niente di meno

Dall’altra parte c’è Maduro, un abile operatore politico che per anni ha superato la sua impopolarità inclinando le urne a suo favore. E potrebbe usare le stesse tattiche per strappare un’altra vittoria.

Le opzioni possibili

Ma c’è un’incognita: potrebbe anche perdere, negoziare un’uscita pacifica e cedere il potere. Pochi venezuelani si aspettano che lo faccia. Ma analisti politici, esperti elettorali, personaggi dell’opposizione e quattro ex alti funzionari del governo di Maduro intervistati dal New York Times credono, in base al suo passato, che stia probabilmente rimuginando su più opzioni per mantenere il potere.

Il governo di Maduro potrebbe squalificare González, o i partiti che rappresenta, eliminando dalla corsa il suo unico serio sfidante. Maduro potrebbe permettere che il voto vada avanti, ma attingere ad anni di esperienza nella manipolazione delle elezioni a suo favore per sopprimere la partecipazione, confondere gli elettori e, infine, vincere.

Potrebbe anche annullare o posticipare il voto, inventando una crisi (una delle opzioni è la disputa di confine latente con la vicina Guyana).

Infine, secondo analisti e personalità politiche, Maduro potrebbe semplicemente modificare il conteggio dei voti. Ciò è accaduto nel 2017, quando il paese ha tenuto una votazione per selezionare un nuovo organo politico per riscrivere la costituzione.

L’azienda che ha fornito la tecnologia di voto, Smartmatic, ha concluso che il risultato era stato “senza alcun dubbio” manipolato e che il governo di Maduro ha segnalato almeno 1 milione di voti in più rispetto a quelli effettivamente espressi. (Smartmatic ha tagliato i legami con il paese.) Zair Mundaray, ex procuratore del governo Maduro che ha disertato nel 2017, ha detto che il paese era arrivato a un momento critico. Perfino i sostenitori di Maduro, ha aggiunto, “hanno ben chiaro che lui è in minoranza”.

Il ruolo degli Stati Uniti

Qualunque cosa faccia Maduro, le elezioni saranno seguite da vicino dal governo degli Stati Uniti, che da tempo cerca di cacciarlo dal potere, affermando di voler promuovere la democrazia nella regione, ma anche di cercare un partner amichevole nel business petrolifero.

Negli ultimi mesi, il desiderio dell’amministrazione Biden di migliorare le condizioni economiche all’interno del Venezuela sembra essersi intensificato, con centinaia di migliaia di venezuelani si sono diretti verso nord, creando un’enorme sfida politica per il presidente Joe Biden prima della sua candidatura alla rielezione.

Maduro ha chiarito di non avere alcuna intenzione di perdere le elezioni, accusando i suoi oppositori di aver tramato un “colpo di stato” contro di lui e dicendo a una folla di sostenitori durante un evento della campagna elettorale che “vinceremo per KO”.

Un presidente contestato

Maduro, 61 anni, è salito al potere dopo la morte di Hugo Chávez, il carismatico fondatore del progetto socialista venezuelano. Ex vicepresidente, è stato scelto da Chávez nel 2013 come suo successore.

Ma molti venezuelani avevano predetto che avrebbe fallito, dicendo che gli mancavano le capacità oratorie, il buon senso politico, i legami militari e la lealtà pubblica del suo predecessore. Si sbagliavano.

Maduro è sopravvissuto a una prolungata crisi economica in cui l’inflazione anno su anno è salita fino al 65.000%, diverse successioni di proteste a livello nazionale, una serie di tentativi di colpo di stato e di omicidio e il tentativo, nel 2019, da parte del giovane legislatore di nome Juan Guaidó di instaurare un governo parallelo all’interno del paese.

È riuscito a impedire le sfide provenienti dai ranghi della sua cerchia ristretta. E ha navigato le sanzioni punitive degli Stati Uniti rafforzando i legami commerciali con Iran, Russia e Cina e, secondo l’International Crisis Group, consentendo a generali e altri alleati di arricchirsi attraverso il traffico di droga e l’estrazione mineraria illegale.

Le elezioni, che si tengono ogni sei anni, si rivelano forse, la sfida più grande. Il governo sta già cercando di sfruttare il voto a favore del presidente.

Chi ha lasciato il Venezuela non riuscirà a votare

I milioni di venezuelani fuggiti in altri paesi – molti dei quali probabilmente voterebbero contro di lui – hanno dovuto affrontare enormi barriere per registrarsi per votare. Secondo una coalizione di gruppi di controllo, i funzionari venezuelani all’estero, ad esempio, hanno rifiutato di accettare alcuni visti comuni come prova della residenza degli emigranti.

Esperti elettorali e attivisti dell’opposizione affermano che tra i 3,5 e i 5,5 milioni di venezuelani aventi diritto al voto vivono ora fuori dal Paese, ovvero un quarto dell’elettorato totale di 21 milioni di persone.

Ma solo 69.000 venezuelani all’estero hanno potuto registrarsi per votare. I gruppi di controllo affermano che negare a un numero così elevato di cittadini il diritto di votare costituisce una vasta frode elettorale.

Anche all’interno del Paese si stanno verificando tentativi di ostacolare il voto. Il Ministero dell’Istruzione ha dichiarato ad aprile che avrebbe cambiato i nomi di oltre 6.000 scuole, che sono luoghi di voto comuni, complicando forse gli sforzi degli elettori per trovare i seggi elettorali assegnati.

Tra i partiti meno conosciuti in una votazione già complicata – gli elettori sceglieranno tra 38 caselle con i volti dei candidati – ce n’è uno che usa un nome quasi identico, e colori simili, alla più ampia coalizione di opposizione che sostiene González, potenzialmente diluendo il suo voto. Forse la più grande macchinazione elettorale di Maduro è stata quella di usare il suo controllo sui tribunali per impedire alla figura dell’opposizione più popolare del paese, Machado, di candidarsi.

Ma ha comunque mobilitato la sua popolarità per intraprendere la campagna elettorale con González. E lo ha fatto girando tutto il paese, celebrata quasi come una figura mitologica.

Ostacolare l’opposizione

Secondo l’opposizione, il governo di Maduro ha preso di mira la campagna: da gennaio, 37 attivisti dell’opposizione sono stati arrestati o si sono nascosti per evitare la detenzione, secondo González. Il monitoraggio elettorale indipendente sarà minimo.

Dopo che il governo ha revocato l’offerta dell’Unione Europea di osservare le elezioni, solo una grande organizzazione indipendente monitorerà il voto, il Carter Center, con sede ad Atlanta.

Maduro ha aumentato gli stipendi dei dipendenti pubblici, ha annunciato nuovi progetti infrastrutturali e ha intensificato la sua presenza sui social media.

L’economia è leggermente migliorata. E anche la sicurezza, almeno a Caracas, dove solo qualche anno fa i supermercati erano letteralmente vuoti e nessuno usciva di casa dopo le sei di pomeriggio.

Il presidente è stato anche in campagna elettorale, ballando con gli elettori in tutto il paese, prendendo in giro coloro che dubitavano di lui. La sua tesi persistente è che le sanzioni statunitensi sono al centro dei problemi economici del Venezuela.

Il movimento socialista del paese, nonostante le difficoltà economiche, è ancora profondo. Durante i suoi anni migliori, ha fatto uscire milioni di persone dalla povertà e dispone di un potente braccio di messaggistica, con molti che voteranno per la causa socialista, anche se trovano da ridire su Maduro.

Altri potrebbero votare per Maduro credendo che porterà aiuto alle loro famiglie. I lealisti vengono da tempo premiati con scatole di cibo.

Le proteste

Anche se Maduro sabotasse il volo, non è chiaro se i venezuelani avranno la forza di scendere ancora in piazza.

Secondo l’organizzazione per i diritti umani Provea, dal 2013 sono state uccise almeno 270 persone durante le manifestazioni, lasciando molti timorosi di scendere in piazza.

I frustati in realtà, hanno già votato, fuggendo dal paese.

Ti potrebbe interessare anche:

Le lacrime del Venezuela – Radio Bullets

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]