Chirurghi a Gaza: Mai vista tanta crudeltà

Scritto da in data Aprile 19, 2024

di Feroze Sidhwa e Mark Perlmutter 

Il 25 marzo insieme, un chirurgo ortopedico e un chirurgo traumatologo, ci siamo recati nella Striscia di Gaza per lavorare al Gaza European Hospital di Khan Younis e siamo stati subito travolti dai liquami traboccati e dall’odore distinto di polvere da sparo nell’aria.

Abbiamo fatto il breve viaggio dal valico di Rafah a Khan Younis, dove il Gaza European Hospital è uno degli ultimi ospedali semifunzionanti rimasti per i 2,5 milioni di esseri umani, metà dei quali bambini, nella Striscia di Gaza.

Veterani delle medicina di guerra

Come chirurghi umanitari pensavamo di aver visto ogni sorta di crudeltà nel mondo, ma nessuno di noi era preparato a niente di simile a quello che abbiamo trovato quando siamo arrivati ​​a Gaza.

Siamo usciti dal furgone circondati in un mare di bambini, tutti più bassi e magri di quanto avrebbero dovuto essere. Anche sopra le loro urla di gioia nell’incontrare degli stranieri, in alto si poteva sentire il ronzio simile a quello delle motoslitte dei droni israeliani.

È diventato presto un rumore di fondo, un promemoria onnipresente che la violenza e la morte possono piovere su chiunque e in qualsiasi momento in questo territorio assediato e saccheggiato.

Il nostro sonno limitato, è stato costantemente interrotto da esplosioni che hanno scosso le pareti dell’ospedale e ci hanno fatto schioccare le orecchie, anche dopo che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite aveva dichiarato necessario l’attuazione del cessate il fuoco.

Quando gli aerei da guerra ululano dall’alto, tutti si preparano ad un’esplosione particolarmente forte e potente. Il momento di questi attacchi ha coinciso sempre con l’“iftar”, quando le famiglie di stragrande maggioranza musulmana rompevano il digiuno quotidiano del Ramadan e diventavano le più vulnerabili.

Aiutiamo e allo stesso tempo ci sentiamo in colpa

Noi americani dobbiamo riconoscere che siamo responsabili di questo crimine contro l’umanità, giunto ormai al suo settimo mese e che si sta svolgendo davanti agli occhi del mondo intero.

Abbiamo attraversato i reparti e abbiamo subito trovato prove di orribili violenze deliberatamente rivolte contro civili e perfino contro bambini.

Un bambino di tre anni colpito alla testa, una ragazzina di 12 anni colpita al petto, un’infermiera di terapia intensiva colpita all’addome, colpiti da alcuni dei tiratori meglio addestrati al mondo.

Ogni centimetro quadrato del pavimento dell’ospedale è occupato da tende improvvisate dove vivono le famiglie sfollate, alla disperata ricerca di una parvenza di sicurezza.

Sono le centinaia di fortunate che riescono a vivere tra delle mura, a differenza delle decine di migliaia che si rifugiano all’esterno nell’area dell’ospedale.

Mentre ci mettevamo al lavoro, siamo rimasti scioccati dalla violenza inflitta alle persone. Esplosivi incredibilmente potenti hanno squarciato rocce, pavimenti e pareti, hanno attraverso corpi umani, penetrando nella pelle con ondate di sporco e detriti.

Con l’ambiente letteralmente incorporato nei corpi dei nostri pazienti, abbiamo riscontrato che il controllo delle infezioni è impossibile. Nessuna assistenza medica potrà mai compensare il danno inflitto a questo posto.

Come chirurghi traumatologici umanitari, entrambi abbiamo assistito a sofferenze incredibili. Eravamo presenti a Ground Zero l’11 settembre, all’uragano Katrina, all’attentato alla maratona di Boston e al terremoto del 2010 ad Haiti il ​​primo giorno di questi disastri.

Abbiamo lavorato sulla deprivazione dello Zimbabwe meridionale e agli orrori della guerra in Ucraina. Insieme abbiamo lavorato a più di 40 missioni chirurgiche nei paesi in via di sviluppo di tre continenti nei nostri 57 anni complessivi di volontariato.

Il dolore dell’impotenza

Questa lunga esperienza ci ha insegnato che per un chirurgo umanitario non esiste dolore più grande dell’impossibilità di fornire le cure necessarie a un paziente. Tutto questo prima di arrivare a Gaza.

Adesso conosciamo il dolore di non poter curare una bambina che morirà lentamente, da sola, perché unica sopravvissuta di un’intera famiglia allargata.

Non abbiamo avuto il coraggio di raccontare a questi bambini come sono morte le loro famiglie: bruciate fino a somigliare più a hotdog pieni di vesciche che a esseri umani, fatti a pezzi in modo tale da poter essere sepolti solo in fosse comuni o semplicemente sepolti nei loro ex condomini per morire. lentamente di asfissia e sepsi.

Gli Stati Uniti hanno pesantemente finanziato e armato in maniera massiccia quella che viene chiamata “l’occupazione” della Palestina , ma il termine è fuorviante.

Il primo presidente di Israele, Chaim Weizmann, dichiarò che l’ esistenza dei palestinesi era semplicemente “una questione senza conseguenze”. Trent’anni dopo, il ministro della Difesa israeliano Moshe Dayan disse al governo israeliano che i palestinesi “avrebbero continuato a vivere come cani… e avrebbero assistito a dove avrebbe portato questo processo”.

Ora lo sappiamo: porta al Gaza European Hospital e a due chirurghi che si rendono conto che il sangue sul pavimento dell’infermeria e della sala operatoria gocciola dalle nostre stesse mani.

Non sostenere l’invio di armi in Israele

Noi americani forniamo i finanziamenti cruciali, le armi e il sostegno diplomatico per un attacco genocida contro una popolazione indifesa.

Noi due continuiamo a sperare contro ogni speranza che i politici americani, e in particolare il presidente Joe Biden, abbandonino il loro sostegno alla guerra di Israele contro i palestinesi. Se così non fosse, non avremmo imparato nulla dalla storia degli ultimi cento anni.

Il poeta polacco Stanislaw Jerzy Lec ha scherzato dicendo che “nessun fiocco di neve in una valanga si sente mai responsabile”, ma noi come americani dobbiamo riconoscere che siamo responsabili di questo crimine contro l’umanità, giunto al suo settimo mese e che si sta svolgendo davanti agli occhi del mondo intero.

A dicembre, l’aeronautica israeliana aveva sganciato così tante bombe americani su Gaza da superare la forza esplosiva di due delle bombe atomiche che distrussero Hiroshima .

Quasi 14.000 bambini sono stati uccisi a Gaza negli ultimi sei mesi , più di quelli uccisi in tutte le zone di guerra del mondo intero negli ultimi quattro anni messi insieme. Nessun conflitto di qualsiasi dimensione nella storia è mai stato così mortale per giornalisti , operatori sanitari o paramedici .

In effetti, noi e tutta la nostra squadra abbiamo nella costante paura che Israele attaccasse direttamente l’ospedale europeo di Gaza, come ha fatto con tanti altri.

La completa e totale distruzione dell’ospedale al-Shifa nella città di Gaza, insieme all’uccisione, al rapimento e alla tortura del personale sanitario , non hanno fatto altro che aumentare questo senso di terrore.

Siamo venuti a Gaza come due fiocchi di neve che avrebbero voluto fermare questa valanga di morte e orrore, di cui ci sentiamo anche responsabili.

Invitiamo chiunque legga questo articolo a opporsi pubblicamente all’invio di armi a Israele finché questo genocidio continuerà, finché l’assedio israeliano di Gaza non sarà revocato e finché non si potrà negoziare la fine dell’occupazione.

Questo articolo è concesso in licenza sotto Creative Commons (CC BY-NC-ND 3.0).

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]