Iran: impiccate due donne

Scritto da in data Maggio 18, 2024

L’Iran ha impiccato oggi almeno sette persone, tra cui due donne, e un membro della minoranza ebraica è a rischio imminente di esecuzione dopo che la Repubblica islamica ha ulteriormente intensificato l’uso della pena capitale, ha affermato un’organizzazione non governativa.

Parvin Mousavi, 53 anni, madre di due figli adulti, è stata impiccata nella prigione di Urmia, nel nord-ovest dell’Iran, insieme a cinque uomini condannati per vari casi legati alla droga, ha dichiarato in un comunicato l’organizzazione norvegese Iran Human Rights, o IHR.

A Nishapur, nell’Iran orientale, una donna di 27 anni di nome Fatemeh Abdullahi è stata impiccata con l’accusa di aver ucciso suo marito, che era anche suo cugino.

IHR afferma di aver registrato almeno 223 esecuzioni quest’anno, di cui almeno 50 a maggio. La nuova ondata è iniziata dopo la fine delle festività del Capodanno persiano e del Ramadan ad aprile, con 115 persone, tra cui sei donne, impiccate.

L’Iran registra più esecuzioni di donne rispetto a qualsiasi altro paese. Gli attivisti affermano che molte di queste detenute sono spesso vittime di matrimoni forzati o abusivi.

2023 più impiccagioni che mai

L’anno scorso l’Iran ha effettuato più impiccagioni che in qualsiasi altro anno dal 2015, secondo organizzazioni non governative, che accusano la Repubblica islamica di usare la pena capitale per instillare paura sulla scia delle proteste scoppiate nell’autunno 2022.

“Il silenzio della comunità internazionale è inaccettabile”, ha detto all’AFP il direttore dell’IHR Mahmood Amiry-Moghaddam.

“Le persone giustiziate appartengono ai gruppi poveri ed emarginati della società iraniana e non hanno avuto processi equi con il giusto processo”.

IHR afferma che Mousavi è stata in prigione per quattro anni. Una fonte ha riferito che la donna è stata pagata l’equivalente di 15 euro per trasportare un pacco che le era stato detto contenere medicinali, ma che in realtà erano 5 chilogrammi di morfina.

“Sono le vittime a basso costo della macchina omicida della Repubblica islamica, che mira a instillare la paura tra la gente per prevenire nuove proteste”, ha detto Amiry-Moghaddam.

Nel frattempo, il gruppo ha affermato che un membro della comunità ebraica iraniana, che si è drasticamente ridotta di numero negli ultimi anni, ma è ancora la più grande del Medio Oriente al di fuori di Israele, è a rischio imminente di esecuzione con l’accusa di omicidio.

Arvin Ghahremani, 20 anni, è stato condannato per omicidio durante una rissa di strada quando aveva 18 anni e la sua esecuzione è prevista per lunedì nella città occidentale di Kermanshah, ha detto IHR, aggiungendo di aver ricevuto un messaggio audio da sua madre, Sonia Saadati, che chiede che la sua vita sia risparmiata.

La famiglia sta pregando la famiglia della vittima di rinunciare all’esecuzione in linea con la legge islamica iraniana sulla punizione, o qisas.

A rischio di esecuzione

A rischio di esecuzione è anche Kamran Sheikheh, l’ultimo membro sopravvissuto di un gruppo di sette uomini curdi iraniani arrestati per la prima volta nel dicembre 2009 e nel gennaio 2010 e successivamente condannati a morte per “corruzione sulla terra” per presunta appartenenza a gruppi estremisti.

Sei uomini condannati per lo stesso caso sono stati giustiziati negli ultimi mesi, quasi 15 anni dopo il loro arresto. Il più recente è stato Khosro Besharat, impiccato questa settimana nel carcere di Ghezel Hesar, fuori Teheran.

In ballo c’è anche il rapper iraniano Toomaj Salehi,, c’è stata una protesta internazionale per la sua condanna a morte comminata il mese scorso e  vista dagli attivisti come una ritorsione per la sua musica a sostegno delle proteste del 2022. I suoi avvocati stanno facendo appello contro la sentenza.

Foto di Khashayar Kouchpeydeh su Unsplash

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]