14 maggio 2024 – Notiziario in genere

Scritto da in data Maggio 14, 2024

Una mostra per sole donne diventerà una toilette per tenere lontani gli uomini. In Tunisia, l’avvocata Sonia Dahmani è stata arrestata con la forza dopo commenti sarcastici. In Argentina un attacco con molotov contro i locali di Buenos Aires dove vivevano due coppie di donne lesbiche ha fatto tre vittime.

Ascolta il podcast

Australia

Un museo in Australia sta lottando per mantenere la sua mostra riservata a sole donne dopo che un tribunale ha ordinato che agli uomini dovrebbe essere consentito l’ingresso in base alle leggi antidiscriminazione. Lo racconta la BBC.

Il Museum of Old and New Art della Tasmania ha presentato appello per revocare la sentenza, sostenendo che ci vuole “una visione troppo ristretta dello svantaggio sociale storico e attuale delle donne” e di come la Ladies Lounge possa “promuovere le pari opportunità”.

La causa

 

La corte ha emesso la sua ordinanza ad aprile a seguito di una causa per discriminazione di genere intentata da Jason Lau, residente nel New South Wales, a cui è stato negato l’ingresso nella lounge.

Kirsha Kaechele, l’artista dietro la lounge, ha detto che sfiderà la sentenza rendendo lo spazio “conforme” alle normative.

La sala, che contiene alcune delle opere più acclamate del museo – da Picasso a Sidney Nolan – è stata chiusa al pubblico dopo l’ordine del tribunale.

I piani della signora Kaechele prevedono di trasformare il salotto rivestito di velluto in un bagno per donne e in una chiesa – cosa che, secondo lei, le consentirà di continuare a funzionare come spazio per sole donne con esenzioni legali.

“C’è una toilette favolosa che arriva alla Ladies Lounge, e quindi in questo senso la Ladies Lounge funzionerà come una toilette per donne”, dice.

“È un bagno celebrato in tutto il mondo. È il bagno più grande e agli uomini non sarà permesso di vederlo”, prosegue Kaechele secondo quanto riportano le testate australiane.

Misoginia inversa

Alcune delle opere d’arte più importanti, come quelle di Picasso, saranno spostate nel bagno delle donne esistente del museo per garantire una “visione ininterrotta” mentre lei richiede altre esenzioni.

E solo la domenica gli uomini possono entrare in quello spazio per imparare a stirare e a piegare la biancheria.

“Le donne possono portare tutta la loro biancheria pulita e gli uomini possono eseguire una serie di movimenti aggraziati (progettati da un Rinpoche – i lama incarnati, o comunque tutti coloro riconosciuti come “lama di fiducia” o a cui è concessa una grande stima, ndr – e perfezionati dai maestri di tai chi) per piegarli”, ha detto in un’intervista pubblicata dal museo.

La causa del signor Lau è stata una “benedizione sotto mentite spoglie”, ha detto.

“Grazie alla sentenza, non abbiamo altra scelta che aprirci a tutta una serie di esperienze arricchenti – spirituali, educative… per scoprire nuove affascinanti possibilità e per migliorare”.

La signora Kaechele aveva precedentemente detto alla BBC che il caso ad alto rischio le aveva fatto sentire come se le sue opere d’arte stessero prendendo vita, e aveva segnalato che avrebbe combattuto fino alla Corte Suprema, se necessario.

Tunisia

Sonia Dahmani, avvocata ed editorialista, è stata oggetto di un pesante arresto sabato presso la Casa dell’Avvocato di Tunisi e portata “in un luogo sconosciuto”, secondo la sua difesa. È stata oggetto di un mandato di giustizia dopo i commenti sarcastici trasmessi in televisione sulla situazione in Tunisia.

Lo raccontano France24 e AFP.

Sabato sera, 11 maggio, le forze di sicurezza hanno fatto irruzione nella casa dell’avvocata di Tunisi e hanno arrestato Sonia Dahmani, avvocata ed editorialista che, secondo il suo team legale, era oggetto di un mandato dopo commenti sarcastici sulla situazione nel Paese.

“Assalto della polizia alla casa dell’avvocata”, situata di fronte al tribunale di Tunisi, “hanno aggredito e rapito la collega Sonia Dahmani in un luogo sconosciuto”, ha detto su Facebook Dalila Msaddek, che fa parte della sua squadra di difesa.

Islam Hamza, anche lui del team legale, ha confermato all’AFP “l’arresto di Sonia Dahmani da parte di agenti di polizia”.

L’Ordine nazionale degli avvocati ha protestato sabato davanti alla stampa contro una “palese aggressione”, chiedendo l’immediato rilascio di Sonia Dahmani e annunciando uno sciopero regionale.

“Di quale paese straordinario stiamo parlando?”

Martedì scorso, nel corso di un programma televisivo, Sonia Dahmani ha detto ironicamente “Di quale paese straordinario stiamo parlando?”, in risposta a un altro editorialista che aveva appena affermato che migranti provenienti da diversi paesi dell’Africa sub-sahariana stavano cercando di stabilirsi in Tunisia.

Questa affermazione è stata giudicata da alcuni utenti dei social network come “degradante” per l’immagine della Tunisia.

Giovedì Sonia Dahmani ha ricevuto una convocazione, alla quale non ha risposto, per comparire venerdì davanti al giudice istruttore senza specificarne i motivi, secondo Msaddek.

Sonia Dahmani ha spiegato alla stampa di essersi rifiutata di comparire in tribunale “senza conoscere i motivi di questa convocazione”.

A causa della sua assenza, il giudice istruttore incaricato del caso ha emesso un mandato di arresto nei suoi confronti.

Secondo quanto riportato dai media, Sonia Dahmani è oggetto di un’indagine, in particolare per aver diffuso “false informazioni con l’obiettivo di mettere in pericolo la sicurezza pubblica” e “incitamento all’odio”, ai sensi del decreto legge 54.

Arrestati altri due editorialisti

Domenica sono stati arrestati anche due editorialisti radiofonici e televisivi per aver criticato la situazione in Tunisia.

Arrestati sabato sera, il conduttore televisivo e radiofonico Borhen Bssais e l’editorialista Mourad Zeghidi “oggetto di un mandato di cattura di 48 ore”, secondo l’avvocato Ghazi Mrabet. “Dovranno comparire davanti a un giudice istruttore”, ha detto all’AFP Mrabet, che difende Mourad Zeghidi.

Secondo l’avvocato, il suo cliente è perseguito “per una pubblicazione sui social network in cui sosteneva un giornalista arrestato [Mohamed Boughalleb, condannato a sei mesi di carcere per diffamazione di un funzionario pubblico, ndr] e per dichiarazioni rilasciate durante trasmissioni televisive a febbraio”.

Mourad Zeghidi è un commentatore politico e collabora con Borhen Bssais, che conduce programmi su emittenti radiofoniche e televisive private.

Non sono state accertate le precise motivazioni dell’arresto di Borhen Bssais, ma secondo l’arresto è stato effettuato ai sensi del decreto legge 54.

Il decreto legge 54

Questo decreto, promulgato nel settembre 2022 dal presidente Kaïs Saïed, prevede punizioni fino a cinque anni di reclusione per chiunque utilizzi le reti di informazione e comunicazione per “scrivere, produrre, trasmettere (o) diffondere notizie false (…) con lo scopo di violare diritti altrui o nuocere alla sicurezza pubblica”.

Il testo è criticato da chi difende i diritti umani perché soggetto a interpretazioni molto ampie.

Secondo l’Unione nazionale dei giornalisti, in un anno e mezzo più di 60 persone, tra cui giornalisti, avvocati e oppositori di Kaïs Saïed, sono state perseguite sulla base di questo testo.

Argentina

 

C’è una terza vittima nell’attacco con bottiglia molotov contro i locali di Buenos Aires dove vivevano due coppie di donne lesbiche. Lo fa sapere la Federazione LGBT+ argentina.

“La terza vittima dell’attacco è morta domenica alle 10 del mattino”, ha detto all’AFP María Rachid, rappresentante dell’organizzazione, una settimana dopo l’accaduto, considerato un crimine d’odio da attivisti e attiviste.

Nelle prime ore di lunedì mattina, un uomo di 62 anni ha dato fuoco alla stanza di una pensione della capitale argentina dove vivevano due coppie lesbiche lanciando un esplosivo.

Una delle vittime è morta il terzo giorno, un’altra il quarto e la terza domenica scorsa a causa delle ustioni.

La quarta donna, che presenta lesioni più lievi, “si sta riprendendo e ha una buona prognosi”, ha detto Rachid.

L’aggressore è stato arrestato ed è ricoverato in ospedale dopo aver commesso atti di autolesionismo.

Venerdì scorso si è tenuta una manifestazione vicino al Congresso argentino per chiedere giustizia per l’attentato.

La comunità LGBTQIA+ accusa il governo di Javier Milei di promuovere un discorso d’odio che dai social network arriva nelle strade.

L’attacco è stato classificato come crimine d’odio dal ministero delle Donne della Provincia di Buenos Aires e dalla Federazione LGBT+ argentina.

“Questo crimine d’odio non è un fatto isolato ed è inquadrato in discorsi che vengono ripetuti irresponsabilmente dal governo nazionale”, ha affermato il ministero provinciale, retto dall’opposizione con Axel Kicillof.

Da quando ha assunto il potere a dicembre, Milei ha creato il Ministério das Mulheres, ovvero l’Istituto nazionale contro la discriminazione e ha vietato l’uso di un linguaggio inclusivo in tutte le comunicazioni della pubblica amministrazione.

Ha anche definito il femminismo come “una lotta ridicola e innaturale tra uomo e donna”.

Ti potrebbe interessare anche:

E se credi in un giornalismo indipendente, serio e che racconta il mondo recandosi sul posto, puoi darci una mano cliccando su Sostienici


Opinioni dei Lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi con * sono obbligatori



[There are no radio stations in the database]