26 marzo 2021 – Notiziario

Scritto da in data Marzo 26, 2021

Ascolta il podcast

  • Algeria: la Corte Suprema ordina un nuovo processo per il giornalista Khaled Drareni (copertina).
  • Etiopia: MSF testimone dell’uccisione di civili nel Tigray da parte dei soldati etiopi.
  • Pakistan: l’uomo condannato, e poi prosciolto, per l’omicidio del giornalista Daniel Pearl sta per lasciare la prigione.
  • Nuova Zelanda: congedo per lutto retribuito in caso di aborto spontaneo.
  • Netanyahu ritarda l’approvazione della richiesta di approvvigionamento idrico della Giordania.
  • Il nipote di Khomeini potrebbe correre alle elezioni iraniane, secondo la stampa.

Questo e molto altro nel notiziario di Radio Bullets, a cura di Barbara Schiavulli

Arabia Saudita

Nuove immagini di Ahmed al-Asiri, vice capo dell’intelligence militare dell’Arabia Saudita al momento dell’omicidio di Jamal Khashoggi. hanno scatenato la rabbia online dopo che sono uscite immagini della sua vita agiata nonostante fosse stato sanzionato dagli Stati Uniti per l’omicidio del giornalista. Al-Asiri, stretto alleato del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman (MBS), si vede seduto su un aereo non identificato in alcune foto diffuse giovedì. Khalid al-Jabri, figlio dell’ex agente dell’intelligence Saad al-Jabri − che è coinvolto in battaglie legali con MBS − ha replicato: «un killer in giro, libero».

Iran

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali iraniane, varie figure e fazioni politiche riformiste hanno suggerito che Sayyed Hassan Khomeini, nipote del primo leader supremo dell’Iran, l’ayatollah Ruhollah Khomeini, potrebbe essere il candidato del campo riformista alle prossime elezioni. In un’intervista con Arman, il politico riformista Gholam Ali Dehghan ha affermato che Khomeini potrebbe plasmare un governo di unità nazionale in Iran nel bel mezzo di una lotta di potere sempre più grave tra riformisti e conservatori. «Sayyed Hassan Khomeini gode della fiducia delle tre fazioni politiche di riformisti, moderati e conservatori centrali», ha detto Dehghan al quotidiano. «Sarebbe una nuova fonte per lo sviluppo dell’unità nazionale tra gli iraniani, e potrebbe far evolvere la moderazione politica [in Iran]».

Khomeini, custode del mausoleo del nonno e capo dell’Istituto per la compilazione e la pubblicazione delle opere dell’Imam Khomeini, non ha annunciato alcun piano per una sua possibile candidatura alle elezioni.  Nonostante il suo background familiare tendesse a interpretazioni rigorose dell’Islam, è più vicino ai riformisti e ha sostenuto il presidente moderato Hassan Rouhani nelle ultime elezioni. Con la prossima votazione, prevista per giugno, tre attuali ex comandanti del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC) del paese hanno finora annunciato la loro candidatura alle elezioni. Nessun nome è stato ancora ufficialmente rilasciato dal campo riformista. Tuttavia, nelle ultime settimane è cresciuta la speculazione sul fatto che Khomeini o l’attuale ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif siano probabili rappresentanti della corrente riformista.

Canale di Suez

La navigazione nel canale di Suez è «temporaneamente sospesa» fino a quando il cargo Ever Given non sarà rimesso in grado di navigare: lo ha annunciato l’Autorità del canale. Sono almeno 300, di cui una parte diretta a nord e l’altra a sud, le navi in attesa di transitare per il Canale di Suez bloccate dall’arenamento del porta-cointainer Ever Given avvenuto martedì scorso. Il proprietario della nave si scusa, mentre le autorità ribadiscono che potrebbero servire settimane. Il costo del blocco, a livello di economia globale, è di 400 milioni di dollari all’ora. In media merci del valore di 9,7 miliardi dollari viaggiano attraverso il canale ogni giorno, collegando l’Asia e l’Europa.

Israele e Iran

Secondo i media israeliani, giovedì una nave di proprietà israeliana è stata colpita da un missile nel Golfo di Oman. La nave portacontainer battente bandiera della Liberia Lori è partita dalla Tanzania il 21 marzo ed è stata colpita durante il transito in India anche se solo leggermente danneggiata. Funzionari israeliani anonimi hanno affermato che l’Iran è sospettato dell’attacco, un paese che Israele è sempre pronto a incolpare per questi incidenti. Il 26 febbraio un’altra nave israeliana è stata colpita da un’esplosione che i funzionari israeliani hanno pubblicamente attribuito all’Iran. Ma Teheran ha negato la responsabilità dell’esplosione. Sia Israele che gli Stati Uniti incolpano spesso l’Iran per attacchi simili alle navi nella regione, senza fornire prove. All’inizio di questo mese, un articolo di The Wall Street Journal ha affermato che dal 2019 Israele ha attaccato almeno 12 navi nella regione. Le navi prese di mira erano dirette in Siria ed erano per lo più o iraniane o trasportavano petrolio iraniano. Il rapporto afferma che gli israeliani hanno recentemente preso di mira una nave ancorata al largo del Libano usando il Limpet, un tipo di esplosivo magnetico che si attacca allo scafo della nave. L’Iran aveva taciuto su questi attacchi ma, dopo che il rapporto di The Wall Street Journal è uscito, una compagnia di navigazione iraniana ha annunciato che una delle sue navi è stata danneggiata in un attacco nel Mediterraneo, e funzionari iraniani hanno pubblicamente incolpato Israele.

Israele e Giordania

Il primo ministro Benjamin Netanyahu, si legge sul quotidiano israeliano Hareetz, tarda a rispondere a una richiesta giordana di acqua da Israele, richiesta fatta a causa della scarsità nel regno. Netanyahu non ha risposto positivamente anche se professionisti in materia idrica e funzionari dell’establishment della difesa hanno raccomandato di aderire alla richiesta. L’approccio di Netanyahu riflette la profondità della crisi tra Israele e Giordania, parte della quale sembra essere collegata all’attrito personale tra il primo ministro e il re Abdullah. Questo atteggiamento rischia di mettere in pericolo la stabilità degli accordi di pace.

Israele e Palestina

La Commissione palestinese per gli affari dei detenuti e degli ex detenuti ha accusato la polizia israeliana  di aver aggredito e maltrattato fisicamente un minore palestinese di Gerusalemme durante la sua detenzione. Secondo l’avvocato del gruppo, Nouruddin Obeid, 17 anni, del distretto di Issawiya di Gerusalemme Est, è stato arrestato dalle forze di occupazione il 23 dicembre 2020.
L’avvocato, che ha visitato Nouruddin nella prigione di Damon, ha dichiarato che è stato picchiato duramente quando lo hanno preso. Lo hanno poi trasferito in una stazione di polizia a Gerusalemme, dove lo hanno interrogato per circa un’ora con mani e gambe ammanettate, non gli hanno permesso  di andare in bagno e lo hanno trattenuto fino alle due del mattino tenendolo in cortile al freddo, prima di portarlo in una cella del centro di detenzione di Moskobiya a Gerusalemme Ovest. È stato trattenuto per 12 giorni nel centro di detenzione di Moskobiya prima di essere trasferito nella prigione di Ofek. Lì ha chiesto di parlare con la sua famiglia ed è stato aggredito e legato al suo letto, quindi privato di cibo e acqua e della possibilità di usare il bagno. È rimasto nella prigione di Ofek per dieci giorni prima di essere trasferito nella sezione giovanile del carcere di Damon.

Algeria

Il famoso giornalista Khaled Drareni, simbolo della lotta per la libertà di stampa in Algeria, dovrà affrontare un nuovo processo dopo che la Corte Suprema ha accettato l’appello in cassazione dei suoi avvocati, giovedì. Drareni è stato arrestato ad Algeri nel marzo 2020 mentre copriva il movimento di protesta pro-democrazia Hirak, che ha spazzato via l’ex uomo forte Abdelaziz Bouteflika dal potere nel 2019, e ha portato avanti manifestazioni per chiedere una profonda revisione del sistema di governo in vigore dall’indipendenza dell’Algeria dalla Francia del 1962.

Il corrispondente quarantenne di TV5 Monde in lingua francese e watchdog per la libertà di stampa di Reporter Senza Frontiere (RSF) è stato provvisoriamente rilasciato il mese scorso, dopo quasi un anno di prigione, insieme a dozzine di altri attivisti rilasciati con grazia presidenziale prima del secondo anniversario di Hirak . Giovedì, Drareni ha detto ad AFP che lui e la sua squadra di difesa avevano sperato nella fine del procedimento contro di lui, ma si aspettavano il nuovo processo. «Ci auguriamo… che il nuovo processo… corregga i due processi che ho subito in primo grado e in corte d’appello», ha detto.

Il fondatore del sito di notizie online Casbah Tribune è stato condannato in appello a settembre a due anni di carcere con l’accusa di «incitamento a un raduno disarmato» e «pericolo dell’unità nazionale». È stato anche accusato di aver criticato il sistema politico algerino su Facebook e di aver pubblicato una dichiarazione di una coalizione di partiti politici che chiedevano uno sciopero generale, secondo RSF. Le autorità hanno accusato Drareni di aver lavorato per organi di stampa stranieri senza avere l’accreditamento stampa − una procedura burocratica opaca in Algeria − oltre ad essere un «informatore» al soldo delle «ambasciate estere». Il caso dell’ex presentatore televisivo è diventato un simbolo della lotta per la libertà di stampa e di espressione in Algeria, in un momento in cui le autorità hanno represso il dissenso arrestando e perseguendo attivisti, esponenti dell’opposizione, giornalisti e utenti dei social media. Nonostante il recente rilascio di circa 40 prigionieri politici, ancora 30 persone rimangono in custodia con accuse legate alla rivolta di Hirak o alle libertà civili, secondo il gruppo per i diritti dei prigionieri CNLD. RSF ha classificato l’Algeria al 146° posto su 180 paesi e territori nel suo World Press Freedom Index 2020, un calo di 27 posizioni rispetto al 2015.

Somalia

Almeno tre civili sono stati uccisi e cinque feriti dopo che una raffica di colpi di mortaio ha preso di mira il quartier generale delle Nazioni Unite e le forze di missione di mantenimento della pace dell’Unione africana (AMISOM), situate nella capitale somala Mogadiscio: lo ha riferito un funzionario di polizia. Abdi Yusuf, agente di polizia nel quartiere Dharkinley di Mogadiscio, ha detto giovedì all’agenzia di stampa Anadolu che diversi proietti di mortaio sono caduti in una zona residenziale della capitale vicino all’aeroporto internazionale Adan Adde.

Etiopia

Il personale di Medecins Sans Frontieres (MSF), in viaggio nella regione del Tigray in Etiopia, ha visto soldati etiopi sparare a quattro civili: lo ha detto giovedì l’agenzia di assistenza medica. L’incidente è avvenuto martedì sulla strada tra la capitale regionale Mekelle e la città di Adigrat, e ha fatto seguito a un apparente attacco a un convoglio militare etiope, riferisce MSF. Reuters non è stata in grado di verificare in modo indipendente l’account di MSF. Nella sua dichiarazione MSF, nota anche come Medici Senza Frontiere, ha detto che i soldati etiopi hanno fermato una loro auto e due minibus pubblici che seguivano dietro. «I soldati hanno poi costretto i passeggeri a lasciare i minibus. Gli uomini sono stati separati dalle donne, a cui è stato permesso di andarsene. Poco dopo gli uomini sono stati uccisi», ha detto il gruppo di soccorso. MSF ha aggiunto che il suo personale ha visto i corpi delle persone uccise sulla strada.

Quasi cinque mesi di combattimenti tra le truppe governative etiopi e l’ex partito al governo della regione, il Tigray People’s Liberation Front (TPLF), hanno provocato la morte di migliaia di persone e ne hanno costrette altre centinaia di migliaia a fuggire dalle loro case nella regione montuosa di circa cinque milioni di abitanti. Sebbene il governo abbia dichiarato la vittoria alla fine di novembre, i combattimenti sono continuati in alcune aree, e le Nazioni Unite e i gruppi umanitari affermano che l’insicurezza sta impedendo agli aiuti, di cui c’è bisogno, di raggiungere centinaia di migliaia di civili.

Il primo ministro Abiy Ahmed ha riconosciuto per la prima volta questa settimana che atrocità, compreso lo stupro, sono state commesse durante i combattimenti e ha affermato che qualsiasi soldato che commetta crimini sarà punito. Le Nazioni Unite hanno detto giovedì che lavoreranno con la Commissione etiope per i diritti umani (EHRC) nominata dallo stato per indagare congiuntamente sulle accuse di violazioni dei diritti da parte di tutte le parti nel conflitto del Tigray.

Restiamo in Etiopia dove più di 500 casi di stupro sono stati segnalati a cinque diverse cliniche nella regione del Tigray: lo hanno riferito giovedì le Nazioni Unite, avvertendo che a causa dello stigma e della mancanza di servizi sanitari, i numeri reali sarebbero probabilmente molto più alti. «Le donne dicono di essere state violentate da uomini armati, hanno anche raccontato storie di stupri di gruppo, stupri di fronte a familiari e uomini costretti a violentare i propri familiari sotto la minaccia della violenza», secondo quanto riportato da Wafaa Said, vice coordinatore degli aiuti delle Nazioni Unite Etiopia, in un briefing agli Stati membri delle Nazioni Unite a New York. Ha aggiunto che almeno 516 casi di stupro sono stati segnalati da cinque strutture mediche a Mekelle, Adigrat, Wukro, Shire e Axum. «Dato che la maggior parte delle strutture sanitarie non funziona e persiste lo stigma associato allo stupro, si prevede che i numeri effettivi siano molto più alti», ha aggiunto.

Coronavirus

India: il pellegrinaggio sul Gange ridotto a un mese e per compiere il bagno rituale sarà obbligatorio un tampone negativo. Obbligo di tamponi per chi entra in Germania in aereo a partire da domenica. Brasile: uomo armato assalta un pronto soccorso e ruba cento dosi del vaccino cinese. Il Messico è il terzo paese al mondo, dopo Stati Uniti e Brasile ad aver superato i 200.000 morti.

Olanda: gran parte degli uffici del parlamento olandese a L’Aja sono stati evacuati in seguito a un allarme bomba.

Afghanistan

Mentre Biden lascia intravedere la sempre più concreta possibilità che le truppe americane non si ritirino entro il primo maggio, come chiedono i talebani e come Trump aveva loro promesso, la Germania ha intanto approvato ieri un nuovo mandato che consente all’esercito tedesco di mantenere i suoi 1.300 soldati in Afghanistan, come parte della missione Nato, fino al 31 gennaio 2022. L’attuale mandato parlamentare per la missione tedesca scadeva alla fine di marzo.

Pakistan

Un pakistano di origine inglese, condannato a morte per l’omicidio del giornalista americano Daniel Pearl, ha avuto

Daniel Pearl

 

la possibilità di lasciare la prigione giovedì dalla Corte Suprema del Pakistan, nell’ultima svolta di una saga legale che dura da quasi due decenni.

Il tribunale ha detto, tuttavia, che Ahmed Omar Saeed Sheikh dovrebbe rimanere in custodia in una sistemazione simile a quella data al personale della prigione, mentre un altro appello è in atto.

Lo sceicco e tre complici sono incarcerati dal 2002, quando furono condannati per il rapimento e l’omicidio di Pearl, all’epoca capo dell’ufficio per l’Asia meridionale di The Wall Street Journal. Da allora hanno vinto e perso una serie di ricorsi e controricorsi in relazione al caso, fino alla decisione della Corte Suprema che l’anno scorso ha ribaltato le loro condanne per omicidio. Quella sentenza significava che avevano completato le loro condanne con l’accusa di sequestro di persona e il tribunale a gennaio ha ordinato il loro rilascio. Sono stati tenuti in custodia, tuttavia, poiché i governi provinciale e federale − così come la famiglia di Pearl − hanno fatto di tutto per tenerli dietro le sbarre. Giovedì, la Corte ha affermato che dovrebbero essere confinati negli alloggi del personale della prigione durante il processo. «Non siamo soddisfatti della continua detenzione di questa persona», ha detto alla Corte il giudice Umar Ata Bandial. Gli avvocati hanno dichiarato che lo sceicco sarà probabilmente trasferito da Karachi a Lahore. Non è chiaro quando i giudici si pronunceranno in modo definitivo sul caso vero e proprio, o se i pubblici ministeri abbiano tutte le possibilità di ricorso.

Il caso ha causato enormi attriti tra Islamabad e Washington, nonostante i funzionari di entrambe le capitali fossero convinti della complicità dello sceicco nella morte di Pearl. Al suo processo originale, il 47enne non ha negato di essere dietro il complotto per rapire l’ebreo americano, ma ha detto di non essere responsabile della sua brutale decapitazione, filmata e poi trasmessa su Internet.

Stati Uniti

Una serie di tornado, almeno sette nelle ultime ore, si sono abbattuti sull’Alabama provocando cinque morti e ingenti danni. Le autorità hanno invitato la popolazione a mettersi al riparo parlando di una situazione tuttora pericolosa e dichiarando lo stato di emergenza.

Myanmar

La famiglia di una bambina uccisa in casa dalle forze di sicurezza del Myanmar afferma di essersi nascosta e di non osare tornare per paura di essere presa di mira dai militari. Khin Myo Chit è stata uccisa a colpi di arma da fuoco tra le braccia di suo padre, dopo che le forze di sicurezza hanno aperto a calci la porta della loro casa nella città di Mandalay martedì. È la vittima più giovane della repressione dei militari dopo il colpo di Stato. Articoli pubblicati dicono che Khin Myo Chit aveva 7 anni, ma la sua famiglia ha confermato ieri che aveva solo 6 anni.

Cina

La tv statale cinese Cctv ha invitato al boicottaggio del marchio H&M, mentre Pechino si avvia a un’escalation che prende di mira altri marchi di abbigliamento e calzature straniere dopo le sanzioni decise lunedì da Stati Uniti, Unione Europea, Regno Unito e Canada contro i funzionari cinesi, accusati di violazioni dei diritti umani nello Xinjiang a danno di uiguri e altre minoranze musulmane. Global Times ha criticato le dichiarazioni di Burberry, Adidas, Nike, New Balance e Zara sullo Xinjiang già due anni fa.

Il presidente Biden ha promesso che non permetterà alla Cina di diventare il paese “leader” del mondo durante la sua prima conferenza stampa, giovedì. I suoi commenti arrivano mentre le tensioni tra Stati Uniti e Cina aumentano e le relazioni tra i due paesi sono al punto più basso da decenni. «Vedo una forte concorrenza con la Cina», ha detto. «La Cina ha un obiettivo generale… diventare il paese leader nel mondo, il paese più ricco del mondo e il paese più potente del mondo. Non succederà, sotto il mio controllo, perché gli Stati Uniti continueranno a crescere e a espandersi». Il presidente Biden ha parlato del suo rapporto con il presidente cinese Xi Jinping, che ha avuto modo di conoscere mentre entrambi i leader erano vicepresidenti. «Ho passato ore e ore con lui da solo con un interprete», ha detto Biden. «È molto, molto diretto. Non ha un osso democratico». Usando un linguaggio da Guerra Fredda, Biden ha inquadrato la situazione sulla scena mondiale come una battaglia tra democrazia e autocrazia, e ha paragonato Xi al presidente russo Vladimir Putin.

Mentre sta adottando un approccio simile a quello del presidente Trump, l’amministrazione Biden è stata in grado di mobilitare i suoi alleati europei per agire contro la Cina. Lunedì Stati Uniti, UE, Regno Unito e Canada hanno annunciato sanzioni contro funzionari cinesi per presunte violazioni dei diritti umani nello Xinjiang. Il segretario di Stato Antony Blinken ha invitato gli alleati europei e della NATO a unirsi contro Pechino a Bruxelles mercoledì. Il punto di discussione comune per i funzionari statunitensi è che la Cina minaccia l’«ordine basato su regole» guidate dagli Stati Uniti, il che significa che Washington vede Pechino come una minaccia all’egemonia globale degli Stati Uniti, qualcosa che Biden ha poi chiarito nella sua conferenza stampa.

Nuova Zelanda

Le coppie della Nuova Zelanda, in caso di aborto spontaneo o di un bambino nato morto, potranno beneficiare di un congedo per lutto retribuito. Lo prevede una nuova legge che è stata approvata in Parlamento all’unanimità, come si legge su Bbc. La deputata Ginny Andersen, che ha presentato il disegno di legge, ha detto che in questo modo le madri e i loro partner potranno affrontare la loro perdita senza prendere un congedo per malattia. La Nuova Zelanda diventa il secondo paese al mondo ad aver introdotto questa norma dopo l’India, che prevede tre giorni di congedo per lutto. Una donna su quattro in Nuova Zelanda ha avuto un aborto spontaneo. «Il loro dolore non è una malattia, è una perdita. E la perdita richiede tempo», ha detto la deputata Andersen, aggiungendo che la Nuova Zelanda «stava aprendo la strada a una legislazione progressista e compassionevole».

Ti potrebbe interessare anche:

E se credete in un giornalismo indipendente, serio e che racconta recandosi sul posto, potete supportarci andando su Sostienici


[There are no radio stations in the database]