27 marzo 2019 – Notiziario

Scritto da in data Marzo 27, 2020

  • Venezuela: Gli Stati Uniti accusano Maduro di narcoterrorismo.
  • Iraq: liberati quattro operatori umanitari.
  • 8 paesi colpiti dalle sanzioni chiedono aiuto.
  • La Turchia toglie l’acqua a 400 mila civili in Siria (in copertina).
  • Coronavirus: La Cina blocca gli stranieri. Afghanistan: saranno rilasciati 10 mila detenuti, ma non talebani. Yemen: parti favorevoli ad una tregua, mentre diminuiscono gli aiuti. Israele: Mossad a caccia di respiratori. Indonesia: “Non accumulate uova”, il video è chiaramente falso, lotta alle fakenews. Messico: un governatore dice che i poveri sono immuni. Haiti: il virus, getta i malati di cancro nel limbo.

Questo e molto altro nel webnotiziario di Radio Bullets, oggi a cura di Barbara Schiavulli. Musiche di Walter Sguazzin

Photo by Nathan Dumlao on Unsplash

Yemen

Le parti in guerra (sauditi e Houthi) hanno accolto con favore la richiesta delle Nazioni Unite di una tregua immediata. La guerra entrata ormai nel suo sesto anno vive una crisi umanitaria che lo ha reso più vulnerabile all’epidemia di coronavirus. L’inviato per lo Yemen dell’Onu Martin Griffith ha risposto che avrebbe convocato le parti per mettere “in pratica le loro parole”. L’agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID) nel frattempo ha dichiarato di aver iniziato a ridurre gli aiuti alle aree controllate dagli Houthi, per timore che il gruppo impedisca la fornitura di assistenza, ha detto un portavoce a Reuters. Il coronavirus deve ancora essere documentato nella nazione della penisola araba impoverita da un conflitto che ha ucciso più di 100.000 persone e lasciato milioni sull’orlo della fame.

Iran

Gli Stati Uniti hanno annunciato ieri l’ennesimo nuovo round di sanzioni contro l’Iran.  Le ultime sanzioni statunitensi hanno preso di mira una serie di compagnie irachene e iraniane, che gli Stati Uniti accusano di avere legami con il Corpo della Guardia rivoluzionaria iraniana. Due delle compagnie hanno l’incarico di gestire i siti santi sciiti. Nelle ultime settimane l’Iran è stato martellato dal coronavirus e ha chiesto un alleviamento dalle sanzioni. Cosa evidentemente respinta dagli Stati Uniti. È probabile che queste nuove sanzioni alimentino ancora altre tensioni tra gli Stati Uniti e l’Iran e probabilmente l’Iraq non sarà felice di essere trascinato dentro.

A proposito di sanzioni sono 8 i paesi che hanno chiesto al segretario generale delle Nazioni Unite di togliere queste misure per rispondere alla pandemia. In una lettere congiunta ottenuta dall’Associated Press, gli ambasciatori di Cina, Cuba, Corea del Nord, Iran, Nicaragua, Russia, Siria e Venezuela, hanno chiesto a Guterresh di rifiutare la politicizzazione del virus.

Iraq

Sono stati liberati quattro operatori umanitari, 3 francesi e un iracheno di un ente di beneficenza cristiano francese che sono stati rapiti in Iraq il 20 gennaio scorso, ha detto l’ufficio del presidente Emmanuel Macron. La loro liberazione è arrivata un giorno dopo che la Francia ha dichiarato che avrebbe ritirato le sue truppe dall’Iraq a causa della pandemia di coronavirus. “Il presidente della repubblica accoglie con favore il rilascio dei nostri tre cittadini Antoine Brochon, Julien Dittmar, Alexandre Goodarzy e l’Iraqi Tariq Mattoka”, ha dichiarato in una nota. In una dichiarazione della scorsa settimana, l’organizzazione benefica SOS Chrétiens d’Orient aveva affermato che nessun gruppo aveva rivendicato la responsabilità del rapimento e che non era stata ricevuta alcuna richiesta di riscatto. Dopo che è arrivata la notizia della liberazione degli uomini, hanno “ringraziato calorosamente” le autorità francesi e irachene per i loro sforzi. SOS Chrétiens d’Orient aiuta i cristiani in Medio Oriente e lavora in Iraq dal 2014.

Siria

La Turchia in piena pandemia ha tagliato l’acqua a 400 mila persone in Siria orientale, tra cui decine di migliaia di minori. L’area è già minacciata dal virus perché la comunità internazionale ha tagliato gli aiuti e non fornisce test per il virus. Le forze democratiche siriane appoggiate dagli Stati Uniti hanno sconfitto l’ISIS un anno fa nella Siria orientale, ma ora milioni di persone che vivono nella zona non hanno accesso ai bisogni di base. La Turchia ha invaso parte della Siria orientale nell’ottobre 2019 dopo il ritiro degli Stati Uniti. Il 21 marzo i residenti hanno riferito che l’acqua era stata tagliata dalla stazione di Allouk, colpendo 460.000 persone. L’ONU e altri hanno registrato lo stesso incidente. La gente di Hassakah e dei villaggi vicini, sotto il controllo di SDF, ora non hanno acqua. Un po ‘d’acqua può essere trasportata dai camion, ma in un momento in cui l’OMS raccomanda il distanziamento sociale questo porta sempre più a minacce di diffusione del virus.

Israele

L’ex capo militare israeliano Benny Gantz, il principale rivale del primo ministro Benjamin Netanyahu, si è presentato giovedì come candidato a presidente del parlamento, una mossa che conferma l’avvenuta alleanza tra i due. Il parlamento ha annunciato che Gantz era l’unico candidato a succedere alleato di Netanyahu Yuli Edelstein, che ha rassegnato le dimissioni da presidente sotto pressione mercoledì. Secondo l’accordo che sta prendendo prende, Gantz dovrebbe collaborare con Netanyahu in un governo di unità, servendo inizialmente come ministro degli Esteri o della Difesa e poi subentrando a Netanyahu come Primo Ministro nel settembre 2021. Si prevede che Gantz si dimetterà la carica di portavoce del parlamento dopo che il governo di unità sarà formato, per essere sostituito da un Likud MK.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha incaricato i servizi segreti, di ”acquistare attrezzature mediche all’estero ”, dato che il Paese deve affrontare l’aumento di casi coronavirus. Ora ci sono solo 50 ventilatori utilizzati in Israele in caso di emergenza clinica, secondo un documento del ministero della salute visto da Canale 13. La terribile situazione probabilmente ha spinto Netanyahu a compiere il passo radicale di ordinare al capo del Mossad Yoram Cohen di guidare una squadra di emergenza nel tentativo di procurarsi attrezzature mediche da “tutto il mondo”, riporta Times of Israel. Non è chiaro dove gli 007 acquisiranno le attrezzature.

Egitto

Aveva scritto un pezzo il 15 marzo scorso sul coronavirus in Egitto in cui citava un rapporto dell’Università di Toronto che sosteneva che i casi presenti nel paese erano molti di più di quelli dichiarati ufficialmente. Ruth Michaelson, corrispondente del quotidiano Guardian, è stata espulsa e ha già lasciato l’Egitto. Ruth Michaelson, che vive e scrive dall’Egitto dal 2014, è stata informata la scorsa settimana dai diplomatici occidentali che i servizi di sicurezza del paese volevano che lei se ne andasse immediatamente dopo la revoca del suo accredito stampa.

Libia

Gli ambasciatori dell’Unione Europea hanno trovato un’intesa per dare il via all’operazione militare europea Irini per il controllo dell’embargo delle Nazioni Unite sulle armi alla Libia. La missione sostituirà quella di Sophia il cui mandato scade a fine marzo.

Mali

Uomini armati hanno rapito Soumaila Cisse, il leader del principale partito di opposizione del Mali, e membri del suo team elettorale a pochi giorni dalle elezioni parlamentari. Cisse e la sua squadra sono stati attaccati mentre erano in campagna elettorale vicino alla città natale del candidato di Niafunke, nel nord del paese. Cisse, ex ministro delle Finanze, è stato candidato alla presidenza tre volte, nel 2018 ha perso contro il presidente Ibrahim Boubacar Keita. Lui e il suo team erano attesi vicino alla città di Koumaira mercoledì sera, ma non si sono mai presentati e non sono raggiungibili al telefono. Il Mali lotta per contenere un’insurrezione islamista che è iniziata nel nord nel 2012 e si è diffusa a sud e nei paesi vicini. I gruppi affiliati ad al-Qaeda sono attivi nell’area in cui Cisse e il suo staff sono scomparsi. Il governo del Mali in una dichiarazione ieri ha dichiarato di aver preso “tutte le misure pratiche” per ritrovare il politico scomparso.

Afghanistan

Verranno rilasciati almeno 10 mila prigionieri di età superiore ai 55 anni nel tentativo di prevenire la diffusione del coronavirus. “Il presidente ha emesso un decreto secondo cui diverse migliaia di prigionieri saranno rilasciati presto a causa del coronavirus”, ha dichiarato un funzionario nell’ufficio del presidente Ashraf Ghani. I liberati non includeranno membri di gruppi militanti talebani o radicali di altre militanze.

Venezuela

Il Dipartimento di Giustizia americano ha accusato il presidente del Venezuela Nicolas Maduro di narcoterrorismo e ha messo una taglia di $ 15 milioni al suo arresto. Una mossa senza precedenti contro un leader straniero. Nell’annuncio, i funzionari del Dipartimento di Giustizia hanno definito Maudro “il leader di un cartello” e lo hanno accusato di presunta cospirazione con l’invio di cocaina negli Stati Uniti gestendo una rete di traffico di droga e impegnandosi nel riciclaggio di denaro. Il procuratore generale degli Stati Uniti William Barr ha dichiarato che “l’annuncio di oggi (ieri) è incentrato sull’eliminazione della vasta corruzione all’interno del governo venezuelano, un sistema costruito e controllato per arricchire i più alti livelli del governo. Gli Stati Uniti non consentiranno a questi funzionari venezuelani corrotti di utilizzare il sistema bancario statunitense per spostare i loro proventi illeciti dal Sud America, né per i loro piani criminali”

Gli Stati Uniti hanno anche accusato il Venezuela di consentire alle forze armate rivoluzionarie della Colombia,  le “FARC”, di utilizzare il suo spazio aereo per far volare la cocaina negli Stati Uniti. Secondo il Washington Post , Maduro ha respinto l’accusa definendola una cospirazione dagli Stati Uniti e dalla Colombia. “Come capo di stato sono obbligato a difendere la pace e la stabilità per tutta la madrepatria, in qualsiasi circostanza”, ha replicato Maduro su Twitter. Il presidente ha definito Trump un cowboy razzista e lo ha avvertito che è pronto a combattere con qualsiasi mezzo necessario gli Stati Uniti e la Colombia qualora invadessero.
Il Dipartimento di Stato offre anche ricompense di $ 10 milioni per informazioni relative ad altri incriminati della cerchia di Maduro, tra cui Diosdado Cabello Rondon, Hugo Carvajal Barrios, Cliver Alcala Cordones e Tareck Zaidan El Aissami Maddah. Li ha accusati di facilitare le spedizioni di stupefacenti dal Venezuela, compreso il controllo degli aerei che partono da una base aerea venezuelana, nonché il controllo delle rotte della droga attraverso i porti del Venezuela. Gli Stati Uniti hanno già imposto sanzioni pungenti sul Venezuela e riconosciuto – insieme a 100 nazioni – il presidente dell’Assemblea nazionale venezuelana Juan Guaido come presidente ad interim del Venezuela. Le esportazioni di petrolio del paese sono crollate del 32% nel 2019, ma Maduro detiene ancora il potere e gode del sostegno di Russia e Iran.

Indonesia

Terremoto 5.9 ha scosso oggi la provincia di Papua. Non ci sono notizie di vittime o danni.

Coronavirus e Mondo

Mezzo milione di persone infette, 24 mila i morti

Il G20 che si è riunito in videoconferenza ha deciso che inietterà cinque trillioni di dollari nell’economica globale per combattere le conseguenze del coronavirus

Stati Uniti: 3,3 milioni di persone hanno perso il lavoro, ha dichiarato il ministero del lavoro. E diventa il paese con più casi al mondo.

Haiti: per migliaia di pazienti di cancro che avrebbero dovuto curarsi all’estero, la pandemia diventa una condanna a morte visto che non si può viaggiare e non ci si può curare nel paese dove il sistema sanitario non è in grado di gestire i malati di cancro. In un paese in cui il 35 percento della popolazione ha meno di 15 anni, l’unico centro di oncologia pediatrica ha solo 17 posti letto. “La sopravvivenza di questi bambini dipende davvero da questa epidemia. La radioterapia non è disponibile ad Haiti. I giovani che necessitano di tale trattamento vengono spesso inviati nella vicina Repubblica Dominicana.

Nicaragua: primo morto da coronavirus, una persona siero positiva.

In Messico invece, il governatore dello Stato di Puebla ha affermato che i poveri sono immuni al virus, visto che non possono viaggiare, sono al sicuro. Luis Miguel Barbosa, ha detto che i poveri non devono preoccuparsi “se sei ricco, rischi, se sei povero no”. Il governatore è un morenista, membro dello stesso partito del presidente di destra Obrador, anche lui criticato per il suo approccio rilassato al problema e per le sue affermazioni discutibili, solo una settimana fa ha detto che i messicani sono “molto residenti” per la loro cultura, e che andrà meglio per loro grazie alle loro antiche radici. Ha detto che dovrebbero continuare a mangiare nei ristoranti con le famiglie per aiutare l’economia e non “esagerare” la situazione.

Venezuela: primo decesso, un uomo di 47 anni dello Stato di Aragua con un problema respiratorio pregresso. Ufficialmente sono 107 le persone infette.

Iraq: esteso il lockdown fino all’11 aprile

Sudafrica: 900 casi positivi. Il presidente Ramaphosa è stato elogiato per aver ordinato alcune delle misure più difficili del continente, tra cui un blocco di 21 giorni. Ha schierato l’esercito per sostenere la polizia. Ma il blocco minaccia di paralizzare un’economia già afflitta da interruzioni di corrente dalla fine dello scorso anno.

Svezia: Metà degli 880 contagiati si trovano nella regione di Helsinki che è stata isolata

Russia: Mosca chiude negozi, ristoranti e parchi. Fermi anche tutti i voli internazionali.

Indonesia: le autorità hanno chiesto di non comprare quantità enormi di uova, perché un video diventato virale di un bambino che dice che le uova sode resistono al virus, è “chiaramente falso”. Un bambino neonato ma che parla in indonesiano suggerisce che mangiare uova sode prima di mezzanotte aiuta a costruire una resistenza contro il covid19. La task force indonesiana Covid 19 ha dovuto chiedere alla gente di non accumulare uova.

 

Filippine: tre ospedali della capitale al collasso, 9 medici morti

Corea del Sud: Salgono a 9322 i casi positivi, 139 i morti

La Cina ha annunciato che sospenderà temporaneamente l’ingresso agli stranieri, compresi quelli con documenti di viaggio validi, poiché la pandemia di coronavirus sta aumentando all’estero.

Ascolta/leggi anche:

Chiamatelo come volete, ma non guerra

 


Continua a leggere

[There are no radio stations in the database]